Salta al contenuto

Domenica 05 Aprile 2020

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina
Leftbar
Contenuti principali

ACCESSO AGLI ATTI

Assistito
A seguito dell'entrata in vigore della legge regionale n. 24/2016 che ha istituito il SUAPE (Sportello unico per le attività produttive e per l'edilizia abitativa) e delle direttive approvate con deliberazione di Giunta Regionale n. 11/14 del 28 febbraio, è stato esteso anche ai privati l'obbligo dell'invio telematico delle pratiche relative agli interventi edilizi o di trasformazione del territorio comunale.

Per le istanze e le pratiche edilizie presentate dai privati, a far data dal 13 marzo 2017 tramite il SUAPE e per le istanze e le pratiche edilizie presentate dalle imprese a partire dal 2008, gli utenti devono rivolgersi  direttamente agli uffici Suap in piazza Alcide De Gasperi 2.

Per le istanze e le pratiche edilizie antecedenti il 13 marzo 2017 occorre inoltrare la richiesta all'Ufficio Protocollo Generale. L'utente verrà ricontattato entro 30 giorni per un appuntamento con gli uffici deputati alla visione e al rilascio della documentazione richiesta.

Diritto di accesso agli atti.
L’avente titolo (soggetto che vanta un preciso interesse diretto, concreto e attuale corrispondente a una situazione giuridicamente tutelata e collegata agli atti) presenta l'istanza utilizzando esclusivamente il modulo predisposto dall'Ufficio Accesso agli atti che dovrà essere compilato in ogni sua parte.

Si evidenzia il fatto che l'Ufficio Accesso agli atti non potrà procedere all'evasione di quelle istanze prive dei seguenti elementi: 
  • mancanza o carenza di riferimenti a pratiche o a documenti con dati non rispondenti e/o non rilevabili dai nostri archivi;
  • mancata sottoscrizione dell'istanza;
  • mancata indicazione dell'interesse “diretto, concreto e attuale, corrispondente ad  una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è chiesto l’accesso (articolo 22 lett.b L.241/1990).
Il richiedente interessato – entro 30 giorni – verrà convocato presso gli uffici del Servizio ubicati nel Palazzo comunale di viale Trieste 141 – angolo via Nazario Sauro. per la visione e l’individuazione degli atti, in funzione dei documenti richiesti verranno quantificati i costi di riproduzione, si concorderà il giorno per la consegna dell’attestato del versamento da parte del richiedente e si definiranno le modalità di ritiro delle copie richieste.
La quantificazione del rimborso dovuto per le spese di riproduzione dei documenti, diritti di ricerca e visura e la determinazione delle modalità di pagamento sono disciplinate dalla Delibera G.C. n. 36 del 30 marzo 2018.
Rightbar