Salta al contenuto

Mercoledì 15 Luglio 2020

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina
Leftbar

Tributi e canoni

Contenuti principali

DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE CONTROVERSIE TRIBUTARIE

(articolo 11 del decreto legge 24 aprile 2017 n. 50 convertito con modificazioni nella legge del 21 giugno 2017 n. 96)

L'8 agosto 2017, con la deliberazione n.125, il Consiglio Comunale ha deliberato l'applicazione della definizione agevolata delle controversie tributarie  ed approvato il relativo Regolamento.
Entro il 2 ottobre 2017 possono essere definite le controversie tributarie il cui ricorso sia stato notificato dal contribuente al Comune di Cagliari (o al Concessionario per i tributi ICP e DPA) entro il 24 aprile 2017  e per le quali alla data di presentazione della domanda il processo non si sia concluso con pronuncia definitiva.
Per la definizione il Contribuente è tenuto a versare il tributo, gli interessi addebitati dall'Ufficio  contenuti nell'atto, gli ulteriori interessi da calcolarsi a partire dalla data di notifica dell'atto fino al 60° giorno successivo alla notifica dell'atto impugnato e le eventuali spese di notifica contenute nell'atto impugnato. La definizione comporta quindi la non debenza delle sanzioni comminate nell’atto originario e, nel caso di mancato pagamento della cartella esattoriale, degli interessi di mora. Per il calcolo degli ulteriori interessi fino al 60° giorno successivo alla notifica dell'atto occorre far riferimento al tasso di interesse legale in vigore al momento della notifica di ciascun atto, secondo quanto previsto dall'articolo 16 bis del vigente Regolamento Generale delle Entrate Tributarie. Dagli importi dovuti come su indicati si scomputano quelli già versati in pendenza di giudizio nonché quelli dovuti con la definizione agevolata di cui all'art. 6 del DL 193/2016. All’importo così calcolato, il contribuente dovrà sommare le eventuali spese di lite riscosse sulla base della sentenza non definitiva.

Se la controversia riguarda esclusivamente sanzioni non collegate ai tributi o interessi di mora, la definizione comporta l'abbattimento al 40% degli importi in contestazione.
Modalità e termini per presentare la domanda
I contribuenti interessati alla definizione agevolata delle controversie tributarie pendenti devono entro il 2 ottobre 2017:
  • presentare la relativa domanda di definizione della controversia;
  • versare in autoliquidazione l'importo dovuto come di seguito indicato.
Qualora l’importo totale dovuto per la definizione della controversia, comprensivo degli ulteriori interessi calcolati sino al sessantesimo giorno successivo alla notifica dell’atto impugnato, sia pari o inferiore a euro 2.000,00 (duemila) il pagamento avviene in un'unica soluzione da pagarsi entro il 2 ottobre 2017.
Qualora l’importo totale dovuto per la definizione della controversia, comprensivo degli ulteriori interessi calcolati sino al sessantesimo giorno successivo alla notifica dell’atto impugnato, sia superiore a € 2.000,00 (duemila) è previsto il pagamento in tre rate :
  • entro il 2 ottobre 2017 pagamento della 1^ rata  di importo pari al 40% delle somme dovute;
  • entro il 30 novembre 2017 pagamento della 2^ rata, pari all'ulteriore 40% delle somme dovute;
  • entro il 2 luglio 2018 pagamento della 3^  e ultima rata, pari al residuo 20% delle somme dovute.
Modalità di pagamento
Modalità di pagamento e di presentazione della domanda
Il versamento degli importi dovuti per ogni singolo atto impugnato deve essere effettuato a favore del Comune di Cagliari con le seguenti modalità:
  • ICI-IMU- TASI- TARSU- TARES- TARI  - sul c/c Banco di Sardegna IBAN IT26S 01015 04800 000070687691
  • ICP - sul c/c postale codice IBAN: IT 41 R 07601 04800 001030457236;
  • DPA - sul c/c postale codice IBAN: IT 30 R 07601 04800 001030457046.
Nella causale di pagamento deve essere indicata la dicitura -Def. Agev.- seguita dal numero di RGR, l'anno e il codice fiscale del soggetto che usufruisce dell'agevolazione.
A chi presentare la domanda
La domanda deve essere presentata:

al Comune di Cagliari, nel caso di controversie riguardanti ICI/IMU/TASI/TARSU/TARES/TARI, mediante:
  • consegna diretta all’Ufficio Protocollo Generale del Comune di Cagliari, via Francesco Crispi n. 2, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 12.30 ed il martedì anche dalle 15.30 alle 17.30 o all’ufficio protocollo del Servizio Tributi e Patrimonio, via Nazario Sauro n. 23, il Lunedì, il Mercoledì e il Venerdì dalle 09.00 alle 12.00; fino al 1 settembre il Martedì dalle 15.30 alle 17.30; dal 4 settembre  il Martedì e il Giovedì dalle 15,30 alle 17,30;
  • spedizione con raccomandata A/R all’indirizzo: Comune di Cagliari – Servizio Tributi e Patrimonio– via Nazario Sauro angolo viale Trieste – 09123 CAGLIARI;
  • tramite pec all’indirizzo: tributi@comune.cagliari.legalmail.it.
al Concessionario dei Tributi Minori ICA - ABACO nel caso di controversie riguardanti ICP/DPA, mediante:
  • consegna diretta  all’Ufficio Protocollo del Concessionario R.T.I. ICA - ABACO via dei Carroz n. 12/C, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8,30 alle ore 13.30 e dal lunedì al giovedì dalle ore 15.00 alle ore 18.00;
  • spedizione con raccomandata A/R all’indirizzo: Concessionario R.T.I. ICA - ABACO – via dei Carroz n. 12/C – 09131CAGLIARI;
  • tramite pec all’indirizzo ica-abaco@pec.it.
Data aggiornamento: mercoledì 02 gennaio 2019
Rightbar