Salta al contenuto

Venerdì 10 Aprile 2020

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina
Leftbar
Articolo esploso

NOTIZIE

Premiato il miglior progetto di Climathon 2018

Nella Sala Consiliare l'Assessora Ghirra ha consegnato un riconoscimento al laboratorio “Uso sostenibile del suolo: vulnerabilità e resilienza” per “Fuori dai nodi”

VID660128


Premiato questa mattina nella Sala Consiliare del Palazzo Civico di via Roma il miglior progetto legato ai temi portati dell'edizione 2018 di Climathon, l'iniziativa sull'adattamento ai cambiamenti climatici al quale ha aderito anche il Comune di Cagliari.

Sono stati tre i laboratori che si sono cimentati nella creazione di altrettanti progetti che vertessero sulle tre sfide lanciate da Climathon Cagliari 2018: Gestione sostenibile dell'acqua, mitigazione delle isole di calore e uso razionale del suolo, sono stati i tre temi sui quali i gruppi di lavoro hanno cercato di produrre delle soluzioni interessanti per il futuro.

E alla fine la giuria, formata da quattro tecnici come Valeria Saiu, Andrea Vallebona, Luca Cocco e Salvatore Farci, ha deciso di premiare il progetto  “Fuori dai nodi” ritenuto il più idoneo e quello meglio legato agli argomenti trattati nella maratona sul clima fatta di appuntamenti, seminari e convegni sparsi in città. Questa la motivazione sulla quale si è basato il giudizio degli esperti: “L'elevata capacità di impatto sui cambiamenti climatici con forte legame sul territorio cagliaritano, in grado di incidere su diversi fattori ambientali e sociali, e in grado di migliorare la qualità urbana. Il progetto è stato in grado di prevedere un disegno complessivo ma in realtà flessibile e suddivisibile per lotti funzionali”.

“Abbiamo voluto puntare – ha spiegato Francesca Ghirra. Assessora alla Pianificazione Strategica e Urbanistica – su tre temi che serviranno all'Amministrazione per le sue politiche sul clima ma che potranno tornare utili anche alla Città Metropolitana”.

I vincitori inseriti nel laboratorio “Uso sostenibile del suolo: vulnerabilità e resilienza” si sono aggiudicati la possibilità di partecipare all'evento dedicato al Climathon organizzato da Climate-KIC Italy per l'8 novembre a Rimini nell'ambito di Ecomondo, la principale fiera della green e circular economy nell'area euro-mediterranea.

Al di là di chi si è aggiudicato la manifestazione, a centrare nel segno sono stati tutti i progetti presentati dai gruppi di lavoro perché, ciascuno a suo modo, hanno fornito alla platea della Sala Consiliare, alcune idee interessanti legate al clima e alla salvaguardia dell'ambiente.

Il primo laboratorio ad esporre il proprio lavoro è stato quello denominato “Uso sostenibile del suolo: vulnerabilità e resilienza”, coordinato da Ivan Blecic e composto da Serena Lisai, Pietro Nuti, Fausto Pani, Alessandro Marrocu e Paolo Scarpellani. Il progetto prescelto è stato “Fuori dai nodi” che è stato incentrato soprattutto sulla camminabilità della città.

A seguire, è stato il gruppo del laboratorio “Cambiamento climatico e isole di calore urbano: impatti e misure di mitigazione” coordinato da Giuseppe Desogus, a illustrare il progetto “Freezeca”. I componenti Emanuele Mura, Maurizio Mascia, Maria Giovanna Talana, Francesco Secci, Carla Carcangiu, Alessandra Carrucciu, Ivan Formica, Rachele Giorgio, Michele Francesco meloni e Chiara Salaris hanno puntato sul clima e sulle possibili variabili delle isole di calore.

Per chiudere le presentazioni e poco prima che la giuria prendesse la sua decisione nel merito, il microfono è passato al laboratorio “La gestione sostenibile dell'acqua: i paesaggi, la città e i cittadini” coordinato da Marco Cadinu. “Climatank” è stato il titolo scelto per il progetto in gara, ideato da Pasquale garau, Federica Romano, Omar Tocco, Gisella Audi e Mariano Pintus.
Rightbar
  • 27 ottobre 2018