Salta al contenuto

Lunedì 03 Agosto 2020

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina
Leftbar
Articolo esploso

NOTIZIE

Gestione di strutture per l'accoglienza e attività di accompagnamento: pubblicato il bando

Il Comune istituirà un elenco di soggetti qualificati per le esigenze del Servizio Politiche Sociali e Salute
Il Palazzo Civico
Il Palazzo Civico

Il Servizio Politiche Sociali e Salute deve formare un elenco di soggetti qualificati alla gestione di strutture residenziali o semi-residenziali per l'accoglienza di minori o nuclei genitore con bambini e/o di progetti socio-educativi, attività di accompagnamento all'autonomia e di sostegno alla genitorialità.

Le persone interessate, in possesso dei requisiti previsti dall'avviso pubblico, dovranno presentare apposita istanza, preferibilmente compilata secondo il modello allegato al bando, entro e non oltre le 12 del 27 novembre 2017.

La domanda, firmata digitalmente dal legale rappresentante o firmata e corredata da copia di un documento di identità in corso di validità del sottoscrittore, dovrà essere inviata alla PEC sociale.minori@comune.cagliari.legalmail.it

L'elenco che sarà formato verrà diviso in tre sezioni:
Sezione A: operatori qualificati alla gestione di comunità a regime residenziale e/o semi-residenziale in
favore di minori e nuclei madre-bambino/padre-bambino;
Sezione B: operatori qualificati alla gestione di strutture a ciclo diurno (centri di aggregazione sociale e centri socio educativi) per la realizzazione di programmi individualizzati di intervento personale e/o familiare in favore di minori in condizione di povertà educativa, esposti a rischio di emarginazione e/o di devianza;
Sezione C: operatori qualificati alla gestione di servizi finalizzati a :
1) sostenere percorsi di inclusione sociale in favore di giovani adulti e madri/padri con minori in situazione di fragilità, anche in uscita da strutture residenziali, che prevedano azioni mirate di accompagnamento verso l'autonomia socio-economica e relazionale, anche attraverso la ricerca di soluzioni abitative, di qualificazione professionale e/o di formazione- lavoro;
2) realizzare interventi di rafforzamento delle autonomie personali/familiari finalizzati a creare condizioni di riduzione dei rischi di istituzionalizzazione, a favore di minori e famiglie in situazione di grave fragilità sociale.
Rightbar
  • 27 ottobre 2017